Non tutti i cani o allevatori di gatti allevano i loro animali in modo etnico. Alcuni allevatori maltrattano i loro animali e li vendono ancora a negozi di animali o persone. Gli animali sono spesso malati e tenuti in condizioni terribili.

Nel Regno Unito, un’allevatrice di nome Jane Oxlade è stata bandita dal possedere animali per tutta la vita dopo che la RSPCA ha scoperto di aver tenuto 38 cani e 18 gatti in gabbie per conigli improvvisate e casse nella sua proprietà. Oxlade si è dichiarata colpevole di varie accuse di reati per animali dopo il raid della RSPCA nella sua casa di Bexleyheath, nel Kent.

Oltre al divieto, Oxlade è stata multata di £ 2,000 e condannata a 20 settimane di carcere per il suo crimine. Un veterinario che si è unito agli ufficiali della RSPCA nel raid ha dichiarato che gli animali sono stati tenuti in una delle peggiori condizioni che abbia mai visto. L’ispettore RSPCA Cliff Harrison ha girato un filmato nella proprietà della donna come prova ed è rimasto inorridito nel vedere gli animali coperti dalle proprie feci, con fango e terra ovunque.

La RSPCA Special Operations Unit ha unito le forze con la polizia locale all’inizio di gennaio per emettere un mandato di perquisizione della proprietà di Oxlade dopo diverse lamentele da parte di persone che hanno acquistato cuccioli da quell’indirizzo. Secondo la RSPCA, hanno ricevuto lamentele riguardo a questo indirizzo ma non sono stati in grado di agire a causa della mancanza di prove.

Nel 2017, la RSPCA fece una visita alla proprietà di Oxlade in seguito ad alcune lamentele ma fu respinta. Questo ha reso tutti sospettosi che Oxlade stesse cercando di nascondere qualcosa. Le ultime denunce si sono verificate tra novembre e il giorno di Natale, un bassotto è morto addirittura per un’infezione da Parvovirus.

La RSPCA ha riferito che molti dei cani lì hanno sofferto di malattie dentali e varie infezioni, senza accesso all’acqua. Rispetto alle aree in cui erano tenuti i cani, la tenuta di Oxlade era tenuta in una condizione immacolata, che poteva essere la stanza in cui i cuccioli venivano portati per incontrare la loro potenziale famiglia.

La tenuta della donna

Ciò serviva da facciata per ingannare le famiglie nel pensare che i cuccioli fossero cresciuti in un ambiente etnico e di qualità.

Purtroppo, la maggior parte dei cuccioli commerciali si nascondono dietro porte chiuse, lontano dagli occhi del pubblico. Nel Regno Unito, è stata lanciata una campagna chiamata Lucy’s Law per combattere il problema dell’allevamento di cuccioli. Questa legge significherebbe che le vendite da venditori di terze parti come negozi di animali domestici o rivenditori sono vietate e ai potenziali acquirenti hanno il permesso di controllare dove sono tenuti i cani.

Aiuta a fermare l’allevamento dei cuccioli aumentando la consapevolezza! Chiedi sempre di vedere l’ambiente del cucciolo.

Condividi questa terribile realtà con i tuoi amici!

 

DIVENTA FAN DI TUTTO PER GLI ANIMALI
Commenti Facebook
error: Prima di copiare Chiedi !!