GreenPeace

Covid, Greenpeace: con la spesa di un F-35 avremmo potuto allestire più di 3.200 posti in terapia intensiva. La vera sicurezza non è nelle armi

Una fregata FREMM ci costa quanto lo stipendio per un anno di 10.662 medici, per un caccia F-35 si spende la stessa cifra che serve per allestire 3.244 posti letto in terapia intensiva, un sottomarino nucleare di classe Virginia costa come 9.180 ambulanze.  L’industria bellica viene percepita come una risorsa per l’economia e una necessità per …

Covid, Greenpeace: con la spesa di un F-35 avremmo potuto allestire più di 3.200 posti in terapia intensiva. La vera sicurezza non è nelle armi Leggi altro »

Meno Warfare e più Welfare. Il Governo investa in Salute, Istruzione e Ambiente!

Le vere basi della sicurezza del Paese non sono gli armamenti, ma il welfare e l’economia sostenibile. Se questi ultimi mesi ci hanno insegnato qualcosa, è che la sicurezza non si raggiunge con la potenza militare. Per generazioni ci siamo abituati all’idea che le minacce esterne debbano essere combattute con le armi, ma la crisi …

Meno Warfare e più Welfare. Il Governo investa in Salute, Istruzione e Ambiente! Leggi altro »

Il legame fra le principali banche italiane e le società del settore fossile

In Italia ci sono alcune delle principali compagnie fossili mondiali, come Eni, Enel o Snam.Lo sviluppo di nuovi giacimenti e la costruzione di altri gasdotti tuttavia non potrebbe avvenire se non ci fosse il sostegno finanziario di banche come UniCredit e Intesa Sanpaolo.Dalla firma dell’accordo di Parigi ad oggi, Unicredit e Intesa Sanpaolo hanno finanziato …

Il legame fra le principali banche italiane e le società del settore fossile Leggi altro »

Certificazione sul benessere animale, cosa chiediamo alla Ministra Bellanova

Insieme a CIWF Italia e Legambiente, abbiamo inviato oggi una lettera alla Ministra delle Politiche Agricole Teresa Bellanova per chiedere l’indicazione del metodo di allevamento in etichetta. © Greenpeace Le condizioni degli animali allevati negli allevamenti intensivi italiani, insieme alla sostenibilità ambientale di queste attività, sono temi che attirano sempre più l’attenzione dei cittadini e …

Certificazione sul benessere animale, cosa chiediamo alla Ministra Bellanova Leggi altro »

Greenpeace: balene in pericolo, anche un virus le minaccia

Oggi, Giornata mondiale per la conservazione della natura, Greenpeace pubblica un rapporto sulle principali cause di spiaggiamento dei cetacei lungo le coste italiane commissionato ai veterinari del Dipartimento di Biomedicina Comparata e Alimentazione dell’Università di Padova: un virus e l’uomo le principali minacce alla sopravvivenza di specie come il capodoglio, già considerato in pericolo di estinzione. Domani …

Greenpeace: balene in pericolo, anche un virus le minaccia Leggi altro »

Balene in pericolo: nei nostri mari è strage di cetacei

A sperm whale is found dead on the beach in Palermo. La spedizione “Difendiamo il mare” a bordo della barca a vela Bamboo della Fondazione Exodus, prosegue: domani partiremo da Lavagna per studiare i cetacei del Mar Ligure insieme a ricercatori dell’Istituto Tethys. Prima di partire però abbiamo deciso di fare il punto su come …

Balene in pericolo: nei nostri mari è strage di cetacei Leggi altro »

Microplastiche: stiamo campionando le acque alla foce dell’Arno

La nostra spedizione “Difendiamo il mare” nel mar Tirreno centro settentrionale partita lo scorso 16 luglio continua la sua rotta tra aree marine protette e zone colpite dall’inquinamento da plastica. Oggi siamo arrivati alla foce dell’Arno e qui stiamo effettuando dei campionamenti di microplastiche, insieme alle ricercatrici del Cnr IAS di Genova e grazie al …

Microplastiche: stiamo campionando le acque alla foce dell’Arno Leggi altro »

Greenpeace: anche i tesori sommersi di Portofino minacciati dai cambiamenti climatici. L’ AMP aderisce al progetto Mare Caldo

Greenpeace, con la barca Bamboo della Fondazione Exodus, impegnata nella spedizione “Difendiamo il mare”, è arrivata nell’Area marina protetta di Portofino, una delle aree più belle e ricche di biodiversità dei nostri mari. Eppure anche qui sono evidenti gli impatti dei cambiamenti climatici. Proprio in questi giorni i sub di Greenpeace hanno svolto delle immersioni …

Greenpeace: anche i tesori sommersi di Portofino minacciati dai cambiamenti climatici. L’ AMP aderisce al progetto Mare Caldo Leggi altro »

Anche i tesori sommersi di Portofino minacciati dai cambiamenti climatici

Immersioni al largo di Portofino durante il tour 2020 Difendiamo il mare (credits Lorenzo Moscia) In questi giorni, durante il nostro tour “Difendiamo il mare” a bordo della barca Bamboo della Fondazione Exodus, siamo arrivati nell’Area marina protetta di Portofino, una delle aree più belle e ricche di biodiversità dei nostri mari. Qui abbiamo svolto …

Anche i tesori sommersi di Portofino minacciati dai cambiamenti climatici Leggi altro »

Vittoria di Greenpeace: finalmente stato emergenza per le balle di plastica abbandonate nel Santuario dei Cetacei

Greenpeace commenta la dichiarazione dello stato di emergenza nazionale approvata dal Consiglio dei ministri per il disastro avvenuto esattamente cinque anni fa nel Golfo di Follonica. “Ci voleva la nostra denuncia per far smuovere le acque. Ora si proceda nel più breve tempo possibile a recuperare tutte le balle di plastica già localizzate e a …

Vittoria di Greenpeace: finalmente stato emergenza per le balle di plastica abbandonate nel Santuario dei Cetacei Leggi altro »

Greenpeace alla foce dell’Arno per campionare le microplastiche

Greenpeace, impegnata nella spedizione “Difendiamo il mare” nel mar Tirreno centro settentrionale, ha effettuato oggi dei campionamenti di microplastiche alla foce dell’Arno, insieme alle ricercatrici del Cnr IAS di Genova. Secondo studi recenti l’80 per cento delle microplastiche – particelle inferiori ai 5 millimetri di dimensioni – si origina in ambienti terrestri e da lì, …

Greenpeace alla foce dell’Arno per campionare le microplastiche Leggi altro »

Microplastiche nei pesci.. e a tavola!

Tour “Difendiamo il mare” di Greenpeace nel Tirreno / luglio 2020 Scampi alla griglia in plastica, zuppa di scorfano alla plastica, acciughe e sgombri al forno con plastica: dai risultati della nostra ricerca sulla presenza di microplastiche nei pesci, questo sembra essere il menù degli italiani questa estate. Insieme all’Università Politecnica delle Marche (UNIVPM) e …

Microplastiche nei pesci.. e a tavola! Leggi altro »

Microplastica e fribre tessili in pesci e invertebrati del Santuario dei Cetacei, lo conferma una ricerca di Greenpeace, UNIVPM e CNR-IAS

Scampi alla griglia in plastica, zuppa di scorfano alla plastica, acciughe e sgombri al forno con plastica. Questo sembra essere il menù degli italiani questa estate. La plastica non ce la mangiamo, perché si concentra nell’intestino e il pesce abitualmente lo consumiamo eviscerato, ma l’allarme rimane e non va in alcun modo sottovalutato. Il 35 …

Microplastica e fribre tessili in pesci e invertebrati del Santuario dei Cetacei, lo conferma una ricerca di Greenpeace, UNIVPM e CNR-IAS Leggi altro »

Greenpeace esegue monitoraggi nell’area delle balle nel Santuario dei Cetacei. Dopo 5 anni non c’è più tempo da perdere, bisogna rimuoverle subito!

Dopodomani, giovedì 23 luglio, sarà il quinto anniversario della dispersione in mare di decine di tonnellate di plastica disperse da una nave cargo salpata da Piombino e diretta a Varna, in Bulgaria, con un carico di 1.888 balle di rifiuti di plastica da incenerire. A causa di un’avaria, un’ora dopo la partenza il comandante diede …

Greenpeace esegue monitoraggi nell’area delle balle nel Santuario dei Cetacei. Dopo 5 anni non c’è più tempo da perdere, bisogna rimuoverle subito! Leggi altro »

Greenpeace: anche nei nostri mari segnali dei cambiamenti climatici, primi risultati del progetto “Mare caldo”

Greenpeace, che si trova all’Isola d’Elba per la spedizione di ricerca “Difendiamo il Mare”, condotta con la barca Bamboo della Fondazione Exodus di don Mazzi, rende noti oggi i primi risultati dei monitoraggi sugli ecosistemi marini costieri svolti nell’area insieme al DiSTAV dell’Università di Genova nell’ambito del Progetto “Mare Caldo”. Chiari segnali degli impatti dei …

Greenpeace: anche nei nostri mari segnali dei cambiamenti climatici, primi risultati del progetto “Mare caldo” Leggi altro »

I cambiamenti climatici sono già nel Mar Tirreno, la conferma dai nostri rilevamenti

Greenpeace placed a temperature monitoring station at Elba island, in the area of the Pelagos Sanctuary, and worked in partnership with the University of Genova to study the impact of climate change on underwater coastal biodiversity. Siamo tornati nelle acque dell’Isola d’Elba con la barca Bamboo della Fondazione Exodus di don Mazzi per la spedizione …

I cambiamenti climatici sono già nel Mar Tirreno, la conferma dai nostri rilevamenti Leggi altro »

Greenpeace: i fondi europei per la ripresa devono dare la priorità alle persone e al Pianeta

Oggi a Bruxelles rappresentanti di Greenpeace e della società civile hanno consegnato una petizione, firmata da oltre un milione e trecentomila cittadine e cittadini europei che chiedono all’Unione Europea di utilizzare il denaro dei contribuenti per finanziare una ripartenza giusta e sostenibile e non per attività inquinanti e distruttive. Attivisti di Avaaz, Greenpeace e Transport …

Greenpeace: i fondi europei per la ripresa devono dare la priorità alle persone e al Pianeta Leggi altro »

Nel Tirreno un mare di microplastiche

Nelle acque marine superficiali del Mar Tirreno c’è una diffusa presenza di microplastiche, con concentrazioni elevate sia in aree fortemente impattate che in zone lontane da fonti inquinanti: è quanto emerge dallo studio realizzato con i ricercatori del Consiglio nazionale delle ricerche (CNR-IAS) di Genova e dell’Università Politecnica delle Marche durante il tour “MAY DAY …

Nel Tirreno un mare di microplastiche Leggi altro »